ARANCINE AL PISTACCHIO

Primo
DIFFICOLTÀ

DIFFICOLTÀ

TEMPO

TEMPO

INGREDIENTI

Per la pasta frolla:

500 g di riso arborio
100 g di pistacchi tritati
80 g di Grana Soresina
100 g di panna da cucina Soresina
50 g di caciocavallo Soresina
70 g di burro Soresina
150 g di latte Soresina
Farina q.b.
Pangrattato q.b.
Olio di semi q.b.
Sale e pepe q.b.

Le arancine al pistacchio sono una specialità siciliana della zona di Bronte. Questa variante della classica arancina è meno famosa al di fuori della Sicilia, ma risulta altrettanto saporita, e ideale anche per chi segue una dieta vegetariana.

PREPARAZIONE

Bollite in abbondante acqua il riso con poco sale, scolatelo e mettetelo in una ciotola capiente. Aggiungete il grana, un po’ di pepe, 50 g di burro e mescolate il tutto. Lasciate raffreddare e poi mettete in frigo preferibilmente tutta la notte coperto con pellicola da cucina.

Per la besciamella: mettete a riscaldare il burro rimasto, unite 15 g di farina e mescolate per qualche secondo; aggiungete quindi il latte sbattendo costantemente con una frusta per evitare che si formino dei grumi. Lasciate addensare la besciamella a fuoco dolce, poi trasferitela in una ciotola. Unite la panna e i pistacchi, condite con sale e pepe e lasciate raffreddare. Quando è fredda riponete il composto in frigo per almeno un’ora.

Per le arancine: inumidite le mani con poca acqua, prendete una manciata di riso e appiattitela sul palmo della mano, creando una piccola cavità al centro, dove disporrete il ripieno. Mettete un cucchiaio della besciamella al pistacchio e poi qualche cubetto di caciocavallo. Chiudete l’arancino sovrapponendo un’altra manciata di riso, sigillate facendo in modo che il ripieno non fuoriesca conferendo agli arancini la classica forma allungata.

Per la pastella: in una ciotola setacciate 20 g di farina e un pizzico di sale, aggiungete qualche cucchiaio di acqua e sbattete con una frusta a mano per ottenere una pastella liscia e senza grumi.

Riscaldate abbondante olio in un tegame, la temperatura ideale si aggira tra i 170-180°C. Preparate anche un piatto fondo con il pangrattato.

Immergete l’arancina nella pastella facendo in modo che sia ben coperta, poi passatela nel pangrattato e quindi friggetela nell’olio. Ripetete l’operazione con ogni arancina, ma assicuratevi di cuocerne poche per volta per non abbassare troppo la temperatura dell’olio. Scolatele su carta paglia per assorbire l’eccesso d’olio e servitele subito a tavola per mangiarle ancora calde.