OLIVE ASCOLANE

Antipasto
DIFFICOLTÀ

DIFFICOLTÀ

TEMPO

TEMPO

INGREDIENTI

1 kg di olive ascolane tenere

Per il ripieno

100 g di polpa di manzo
100 g di polpa di maiale
100 g di pollo
30 g di mollica di pane
½ cipolla
Noce moscata q.b.
80 g di Parmigiano Reggiano Soresina
Scorza di ½ limone
1 pizzico di chiodi di garofano macinati
1 piccola carota
1 costa di sedano
1 bicchiere di vino bianco
1 uovo
Sale fino q.b.

Per la panatura

2 uova medie
Farina 00 q.b.
Pangrattato q.b.
Per la frittura
500 ml di olio extravergine d’oliva

La ricetta delle olive ascolane, come suggerisce il nome, ha origine nella provincia di Ascoli Piceno, anche se ormai la sua diffusione copre senza distinzione tutto il territorio nazionale. Ottime sia come snack sia come contorno, mantengono il loro segreto di croccantezza e bontà nella tecnica della doppia impanatura.

Una volta assaggiate è impossibile resistere… una tira l’altra!

PREPARAZIONE

Rosolate con 3 cucchiai d’olio evo, la cipolla, il sedano e la carota tritate. Tagliate a pezzettini i tre tipi di carne e aggiungeteli al soffritto. Salate e aggiungete il vino bianco facendolo evaporare a fuoco dolce.

Togliete il composto dal fuoco e, una volta raffreddato macinatelo. Versate il composto in una ciotola e aggiungete la polvere di chiodi di garofano, la noce moscata, la scorza del limone, un uovo, il parmigiano e la mollica di pane ridotta in briciole; impastate fino a raggiungere un composto morbido e compatto.

Lasciate riposare il tutto per mezzora.

Nel frattempo denocciolate le olive senza dividerle. Riempitele con il ripieno ridonando loro la forma originaria.

Passate ogni oliva ripiena prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e infine nel pangrattato. Quando saranno tutte pronte lasciatele riposare in frigo per un’altra mezzora. Ripetete quindi l’operazione impanandole una seconda volta.

A questo punto friggete le olive in olio evo bollente, ruotandole di tanto in tanto fino a farle raggiungere una colorazione dorata e uniforme. Quindi sgocciolatele e ponetele su un piatto con carta assorbente.

Servitele calde.