BACCALÀ ALLA VICENTINA

Secondi
DIFFICOLTÀ

DIFFICOLTÀ

TEMPO

TEMPO

INGREDIENTI

500 g di baccalà da ammollare
20 g di sarde sotto sale
250 g di olio evo
130 g di cipolle bianche
250 g di Latte Intero Latteria Soresina
25 g di Grana Grattugiato Soresina
Prezzemolo
Farina
Sale fino
Pepe nero

Ricetta caposaldo di Vicenza, il baccalà alla vicentina si distingue per la sua semplicità e per il gusto saporito. L’origine di questo piatto risale al XV secolo e da allora non è mai andato fuori moda!

PREPARAZIONE

Ammollate lo baccalà in una capiente ciotola colma d’acqua fino a quando non risulterà morbido. Occorreranno circa 4 giorni di ammollo; durante questo periodo è necessario cambiare l’acqua 2/3 volte al giorno.

Scolate lo baccalà, eliminate la pelle e le lische, quindi tagliatelo in piccoli pezzi infarinandoli su tutti i lati. Tritate il prezzemolo e le cipolle. In un tegame ampio scaldate circa 20 g d’olio, aggiungete la cipolla rosolandola. Nel frattempo lavate le sarde per eliminare il sale e unitele al soffritto. Mescolate il tutto lasciandole sciogliere, quindi aromatizzate con il prezzemolo tritato.

Dopo aver unito anche i tranci di baccalà versate il latte e la dose restante di olio, insaporendo infine con il grana grattugiato.

Salate e pepate e proseguite la cottura a fuoco bassissimo per 4 ore, con il coperchio, avendo cura di ruotare di tanto in tanto, il tegame, senza mescolare, così da non sfaldare i tranci di pesce. Ultimata la cottura servitelo caldo eventualmente accompagnandolo con crostini di polenta, come da tradizione.